Lù, sono tuo padre!

“Mio padre è così: non parla, sorride.
E se sorride, fa parlare il cuore. Ha scelto, tra tutte le possibilità, di restare in silenzio e sorridermi, alleggerendo, con il solo movimento dell’angolo della bocca, il momento più duro della mia vita”.

Al figlio che non ho conosciuto mai

“Vedi, figlio mio, mi sarebbe piaciuto portarti al mare, spiegarti il perché per me sia importante. Magari tu mi avresti fatto 3000 domande, perché sì, questo lo avresti preso da me.
Ed io, tra un sorriso ed una carezza, ti avrei risposto.”

Frustate, Q.B. – La pitta ‘mpigliata: un abbraccio… da mordere!

“Non è la ricetta più facile, né la più veloce, ma in compagnia, fra cucchiaiate di frutta secca (e conseguenti minacce di mutilazioni) e commenti acidi urlati ai personaggi di telenovele tedesche, il tempo sembra volare via velocissimo fra le dita.
Godete di questi momenti, ché sono tutto ciò che abbiamo.”

Muore per davvero solo chi viene dimenticato

“Ripensa a me, non dimenticarlo mai, ricordami, dovunque tu sarai. Lo sai che devi fare se non sono insieme a te, ascolta la canzone e tu sarai vicino a me.
Ricordami, ora devo andare via, ripensa a me, sentendo questa melodia uniremo con le note il cuore e le anime… il tuo amore rimarrà sempre per me.”