Caro Babbo Natale, ho un desiderio semplice

“In quest’anno ho riscoperto il valore del caso, delle combinazioni fortuite, di quelle circostanze apparentemente normali che portano ad eventi straordinari. Sono stata fortunata, perché nonostante una pandemia ci abbia strappato via tutto quello che credevo solido, ho avuto la possibilità di mettermi alla prova, riscoprirmi, fermarmi, adeguarmi. Tutte queste cose, caro Babbo Natale, vorrei che rimanessero dove sono ora.”

#Machitteconosce – Babbo Natale: l’inquietante omone natalizio

Del resto, ci hanno insegnato che il giorno in cui Gesù nasce, arriva un omone grande e grosso vestito di rosso, con una barba lunga, un sacco pieno di doni e delle renne, che sceglie in autonomia di entrare in un comignolo fino al nostro soggiorno e mangiare i biscotti che gli abbiamo lasciato.