“Dove non mi hai portata”: la logica d’amore dell’abbandono.

“Dove non mi hai portata” è un libro in cui la profondità non spaventa, un libro in cui parlando di abbandono e di morte si erge uno splendido inno alla vita. E alla scrittura.

Scrivere è l’arte di far durare le cose. Anche quelle che non sono mai state. Soprattutto quelle che non sono mai state.

Lettera di un Padre mai Stato

“Io sono stato abbandonato. Sono stato lasciato solo da uno Stato che non mi tutela, da una donna che non mi ha voluto partecipe delle sue scelta, della Tua vita.”